Tag

sport e adrenalina

Naviga

In inverno spesso viene da pensare che ci siano molte limitazioni in fatto di uscite, gite fuori porta, sport all’aria aperta e in generale attività, sia a causa del mal tempo con fenomeni atmosferici quali pioggia o neve, sia per la mancanza di molte ore di luce durante la giornata.

Tuttavia, se rivalutiamo l’inverno in ottica di sport invernali, le occasioni di praticare attività belle, adrenaliniche, a contatto con la natura e anche molto stimolanti dal punto di vista fisico, non mancano affatto!

Tra gli sport invernali troviamo due categorie, sport sulla neve e sport sul ghiaccio.

Gli sport sulla neve sono praticati sulle piste o sui fuori pista, quelli sul ghiaccio si praticano prettamente o su piste artificiali ghiacciate o su piste naturali.

Di seguito riportiamo gli sport sulla neve e sul ghiaccio più interessanti, in voga e protagonisti dei nuovi trend dell’inverno.

Tra gli sport sulla neve oltre ai più famosi scii e snowboard troviamo numerose discipline:

  • Sci di fondo: uno sport invernale, appartenente al gruppo di sport dello sci nordico, molto popolare nei Paesi nordici, nelle regioni alpine e nel Canada. Si esegue aiutandosi con due solchi, praticati nella neve battuta, larghi poco più degli sci, detti “binari”; essi guidano lo sci senza bisogno che lo sciatore debba correggere la direzione, e creano una base d’appoggio efficiente per lo sci.
  • Sci alpinismo: è una disciplina sportiva sciistico-alpinistica, che si pratica in montagna durante i periodi di innevamento, tipicamente al di fuori da impianti e piste attrezzate ovvero su pendii “fuoripista”, mediante l’utilizzo di sci opportuni e pelli di foca, permettendosi di muoversi sia in risalita che in discesa, come attività a sé stante oppure come modalità di avvicinamento invernale a percorsi prettamente alpinistici.
  • Sci escursionismo: è una disciplina ricreativa dello sci nordico affine allo sci di fondo, dal quale si differenzia per l’uso di sci con lamine, seppure a tallone libero.
  • Salto con gli sci: sport in cui gli atleti muniti di sci ai piedi scendono lungo la rampa di un apposito trampolino al termine del quale spiccano un balzo, cercando di atterrare il più lontano possibile.
  • Combinata nordica: sport invernale in cui i concorrenti gareggiano in due distinte discipline dello sci nordico: lo sci di fondo e il salto con gli sci).
  • Carving: Il carving è una tecnica dello sci alpino introdotta negli anni novanta grazie all’introduzione degli sci “sciancrati”. La particolare geometria sciancrata dello sci carving consente di fa piegare lo sci in un arco, ed esso segue naturalmente questa forma per produrre un movimento di virata.
  • Sci freestyle: sci acrobatico o sci artistico. Si tratta di una disciplina sciistica nata come elaborazione dello sci alpino attraverso l’introduzione di salti, difficoltà di percorso e varie figure coreografiche.
  • Biathlon: è uno sport invernale, appartenente al gruppo dello sci nordico, i cui partecipanti competono in due specialità, il tiro a segno con la carabina (fucile di precisione) e lo sci di fondo.
  • Corsa con i cani da slitta o Sleddog: è uno sport invernale praticato su slitte trainate da cani e guidate da un conduttore, detto con termine inglese musher.  Nacque come metodo di trasporto e di copertura di grandi distanze nelle regioni artiche e siberiane ed ora è considerata una esperienza indimenticabile di escursione tra le nevi. Tra i paesaggi invernali la slitta viene fatta correre da una mutua di cani di razza nordica, come l’Alaskan Malamute, il Siberian Husky o il Samoiedo, solitamente utilizzati in numeri che vanno da un minimo di 8 ad un massimo di 20. Tale disciplina non è considerata come un semplice sport ma come un simbolo della secolare collaborazione uomo-animali molto istruttiva come esempio anche per i più piccoli di come i cani non siano mezzi ma compagni di viaggio veri e propri.
  • Snow bike o Ski bike: bici delle nevi dove al posto della ruota anteriore è inserito uno sci largo per poter scendere lungo le piste. Si può utilizzare con indosso i doposci, scarponi o footski. Si guida come una normale bici da città, accompagnando i movimenti con il corpo, proprio come sugli sci ed è adatta a tutti coloro che non sanno sciare.
  • Snow scoot: è un ibrido tra scooter, moto e sci ispirato alla BMX (Montain Bike = Bicycle Motocross, dove la X sta per cross). E’ composto da un telaio completo di manubrio e forcella e delle tavole, al posto delle ruote ha due sci molto corti e una piccola pedana sulla quale appoggiare i piedi al posto del sedile. Viene catalogato come uno sport invernale di scivolamento sul manto nevoso. Lo si pratica già a livello agonistico e non esistono corsi base, si può noleggiare e provare su piste facili con neve morbida. Si può guidare gestendo il manubrio come fosse quello della bici e mantenendo saldo l’equilibrio in appoggio allo sci posteriore. È un allenamento completo che stimola gli addominali (che sono sfruttati per non perdere l’equilibrio e sbilanciarsi) e la muscolatura posturale compresi i fianchi.
  • Fat Bike: (bici grassa o bici dalle ruote grasse), una bici di origine Mountain Bike, avente le ruote con copertoni la cui larghezza va dai 3.8 pollici in su che riesce dunque, ad attraversare sentieri ricoperti di neve senza sprofondare, superare i dislivelli e risalire i pendii. Interessante, è la variante e-Bike, la biciletta elettrica con la pedalata assistita che facilita la risalita delle salite con facile pedalata grazie alla spinta del motore elettrico.
  • Snow kite: consiste nel surfare sulla neve con una tavola da snowboard o con degli sci trainati dalla vela di Kite su percorsi pianeggianti e su pendii. La vela difatti, permette anche di risalire pendii con inclinazioni fino al 30% grazie alla azione del vento in base alla grandezza della vela e alla potenza del vento. Non è necessario essere boarder o sciatori professionisti, ma basta effettuare un corso base per saper gestire i terreni facili con vento leggero e saper sciare in maniera elementare. L’allenamento con lo snow kite è molto attivo a livello gambe, pettorali e dorsali incrementando anche lo sviluppo della percezione spaziale del corpo e la fluidità dei movimenti.
  • Air board o Snow Body Board: consiste in una tavola ad aria che permette di galleggiare sulla neve appoggiando il corpo disteso in orizzontale sulla tavola e lasciandosi scivolare. È lo stesso principio del Surf Body board, applicato però, sulla neve. Si utilizza su piste larghe e ampie e può raggiungere velocità maggiori di un bob e una slitta poiché produce un minor attrito rispetto al materiale di legno e plastica utilizzato nei due sport suddetti. Si raccomanda di stringere bene l’impugnatura delle maniglie al fine di rimanere ben aderenti alla tavola e mantenere sempre la posizione.
  • Ski archery: lo ski archery, o biathlon con l’arco, noto anche con l’abbreviazione ski-arc o come archery biathlon, è uno sport invernale che combina lo sci di fondo con sessioni di tiro con l’arco, praticato attualmente in Russia e fino al 2007 anche in Italia, Slovenia, Austria, Germania, Francia, Giappone, Stati Uniti con presenze anche della Polonia, Ucraina e Repubblica Ceca. Lo svolgimento delle gare è molto simile alle competizioni di biathlon. L’unica differenza significativa sta nello strumento sportivo usato, l’arco al posto della carabina.
  • Slittino su pista naturale: slitta da neve per scendere lungo i pendii montuosi innevati. Per guidarlo bisogna porsi in posizione quasi sdraiata in posizione supina afferrando con una mano la corda di guida davanti a noi e tenendo con l’altra il telaio dietro la schiena. Si frena piegando le gambe e puntando i piedi a terra.
  • Racchette da neve o ciaspole: sono uno strumento che consente di spostarsi agevolmente a piedi sulla neve fresca poiché aumenta la superficie calpestata e quindi anche il “galleggiamento”, tipicamente usate in attività di escursionismo su ambiente innevato.
  • Snow rafting: un vero e proprio rafting fluviale sulla neve, ossia una discesa con gommone non in acqua ma in pista, governato da una pagaia e avente dispositivi di frenata e direzione.
  • Nordic walking: consiste in lunghe passeggiate in salita o in discesa, con l’aiuto di due bastoni che danno il ritmo al passo e permettono di coinvolgere nel movimento anche spalle e braccia. Oltre a essere un’attività fisica molto intensa, il nordic walking distende la mente e aiuta a ritrovare il proprio benessere.

Gli sport sul ghiaccio includono invece: 

  • Hockey su ghiaccio: è uno sport di squadra disputato sul ghiaccio in cui i pattinatori attraverso l’utilizzo di un bastone ricurvo indirizzano il puck (disco galleggiante di gomma) nella porta della squadra avversaria. Viene definito generalmente uno sport veloce e fisico.
  • Hockey su slittino: sport di squadra giocato sul ghiaccio. È la variante dell’hockey su ghiaccio riservata alle persone con disabilità permanente nella parte inferiore del corpo a causa di traumi di vario genere, ma che hanno buone braccia, un buon controllo del tronco, e normali capacità coordinative.
  • Bob: anche detto guidoslitta, è uno sport invernale nel quale delle squadre composte da team di 2 o 4 persone, eseguono discese cronometrate lungo una pista ghiacciata, stretta e tortuosa, a bordo di un mezzo dotato di pattini sterzanti, spinto all’avvio dai membri della squadra e successivamente dalla forza di gravità con ridottissimo attrito. Il bob tocca velocità di 130 km orari e di solito è composto da un equipaggio di un pilota, un frenatore e altri due componenti che avviano la spinta iniziale.
  • Curling: sport di squadra nel quale si gioca sul ghiaccio con pesanti pietre di granito levigate, dette stone (pietra in inglese), dotate di un’impugnatura. I giocatori, suddivisi in due squadre, fanno scivolare queste pietre su un pavimento di ghiaccio verso un’area di destinazione, detta “casa” (home), contrassegnata da tre anelli concentrici.
  • Pattinaggio di velocità: una forma di pattinaggio su ghiaccio nel quale i concorrenti devono percorrere una determinata distanza sul ghiaccio nel minor tempo possibile. Sport simili sono lo short track e il pattinaggio di velocità in linea.
  • Short track: un tipo di pattinaggio su ghiaccio basato sulla velocità. In questo tipo di gare un certo numero di pattinatori pattina contemporaneamente su una breve pista al coperto lunga 111,12 m.
  • Pattinaggio di figura: sport invernale individuale, di coppia e di squadra in cui gli atleti, dotati di pattini, eseguono sul ghiaccio degli esercizi composti da figure, passi, trottole e salti, su una base musicale. Una vera e propria danza sul ghiaccio
  • Skeleton: lo skeleton è uno sport invernale individuale in cui gli atleti scendono lungo una pista ghiacciata su una slitta dotata di pattini, stando sdraiati in posizione prona con la testa in avanti e i piedi indietro.
  • Slittino su ghiaccio: è una piccola slitta per una o due persone, sulla quale si viaggia in posizione supina con i piedi in avanti e su piste ghiacciate. È una disciplina olimpica e viene disputato solitamente su piste artificiali con lunghi rettilinei.
  • Vela su ghiaccio: uno sport invernale riconosciuto, chiamato anche ice flying, che viene praticato grazie a scafi dotati di pattini e una vela da windsurf. Viene solitamente praticato in Polonia sui laghi ghiacciati e consiste in una alternativa alla barca a vela applicata su ghiaccio. Consiste in una slitta a vela (ice boat) in grado di scivolare sui laghi ghiacciati ed ha una struttura diversa dalla barca a vela in quanto viene creata appositamente per l’ambiente delle piste su ghiaccio. Per eseguirlo in sicurezza è necessario che vi siano temperature sotto lo zero per diversi giorni che permettano al ghiaccio di solidificarsi in maniera importante raggiungendo lo spessore di almeno 10 centimetri.
  • Ice cross downhill: uno sport praticato in discesa libera su pattini da ghiaccio, lungo un canale ghiacciato, nel quale i pattinatori spesso viaggiano a oltre 70 km\h. Per questo motivo, i pattinatori devono avere lo stesso tipo di protezioni dei giocatori di hockey, che come loro si urtano in maniera continua. Un mix di pattinaggio, Snow Board Cross (è una competizione di snowboard in cui un gruppo di atleti parte contemporaneamente su un percorso in pendenza e quindi gareggia per raggiungere la linea di arrivo) e downhill (sport ciclistico classificato come “Sport Estremo”. Consiste nel correre con la bici una “Run” cioè una gara singola totalmente in discesa).

 

Pin It