Tag

nutrizione corretta

Naviga

Mangiare sano e mangiare cibi sani è fondamentale per garantire uno stato di salute appropriato. Per questo, tenere sane abitudini alimentari è davvero importante. Quantità di cibi, tipologia di alimenti e la loro relativa combinazione, tempi di assunzione degli stessi e tipologia di cucina influenzano fortemente il benessere. Le abitudini alimentari sane possono davvero fare la differenza in termini di qualità di vita e durata. Di seguito riportiamo uno schema di abitudini sane da seguire e fare proprio.

1) Fare sei o più spuntini al giorno

Se ammettiamo che i pasti abbondanti favoriscono l’obesità, aumentano il rischio di malattie cardiovascolari e ostacolano la digestione e l’assimilazione delle sostanze nutritive, i pasti LEGGERI migliorano notevolmente l’assorbimento delle sostanze nutritive, prevengono l’obesità, facilitano la digestione permettendoci di mantenere stabili i livelli di energia per tutta la giornata.

2) Bere 3 litri di acqua al giorno

Bere molta acqua comporta di aiutare oil nostro organismo a svolgere al meglio le proprie funzioni essenziali. L’idratazione è importante ad ogni età e non solo per bambini, anziani, malati e atleti.

Maggiore è la quantità d’acqua maggiori sono le prestazioni fisiche e mentali, inoltre, l’effetto depurativo di smaltimento dei metalli pesanti, prodotti chimici e altre tossine determina un ulteriore motivo per bere più possibile.

3) Mangiare frutta intera a stomaco vuoto

Con la sua azione purificatrice e nutriente la frutta è un alimento eccezionale per la salute e il suo consumo a stomaco pieno ne massimizza notevolmente l’effetto perché venendo digerita dall’intestino necessita di una azione diversa rispetto agli altri elementi. In aggiunta a questo, consumare frutta evita di attaccarsi ai dolci e ci rende un consumo extra di sostanze nutritive salutari. Meglio consumare la frutta a pezzi piuttosto che sotto forma di succo poiché nei pezzi è inclusa la fibra, che solitamente viene persa insieme ad altre sostanze nutrienti quando spremute, estratte o frullate. Altro vantaggio importante dovuto alla presenza di fibre è l’aumento graduale del livello di glucosio nel sangue

4) Evitare cibi altamente trasformati

Evitare gli alimenti altamente trasformati quali dolci, prodotti da forno o fast food, permette di non incorrere nel cosiddetto cibo spazzatura e nella relativa assunzione di cibi altamente calorici, pieni di additivi, edulcoranti e conservanti, ma privi o poveri di nutrienti,

5) Promuovere il consumo di alimenti ricchi di omega 3

Gli acidi grassi omega 3 e omega 6 sono considerati essenziali perché il corpo non può produrli in autonomia ma deve assumerli attraverso il cibo. Mentre gli Omega 6 sono presenti in grande quantità nei cibi più comuni, gli Omega 3 sembrano più difficile da trovare e la loro eventuale assenza potrebbe causare un forte squilibrio nell’organismo, soprattutto per le malattie cardiovascolari, cancro e le malattie autoimmuni. Le loro funzioni principali sono di produzione di molecole volte a sanare i processi infiammatori.

6) Eliminare il consumo di carne, pesce e latticini

Ridurre tali prodotti è importante per la riduzione del livello di colesterolo nel sangue e dell’acido arachidonico, precursore di sostanze di mediatori infiammatori e processi allergici.  Vi sono seri dubbi sulla capacità di assorbimento del calcio dal latte di origine animale. La carenza di calcio è più diffusa nei paesi che consumano più latte. Al contrario, in Asia, dove il latte viene consumato in piccole quantità, la carenza di calcio è inferiore. La soia è un sostituto perfetto del latte poiché è una fonte di calcio. La soia è un ricco di isoflavoni, composti flavonoidi con elevata capacità antitumorali che agiscono al pari degli estrogeni umani e sono efficaci al miglioramento e prevenzione dei sintomi della menopausa, soprattutto se assunti regolarmente dalla più tenera età. La maggior parte dei prodotti di soia forniscono gli stessi benefici indistintamente (fagioli di soia, tofu, miso, tempeh o yogurt di soia). Per chi avesse propblemni di tiroide la soia è altamente dannosa ed è meglio evitarla a pieno. Ottimi sostituti della soia sono tutte la categorie di latte vegetale, quali latte di avena, mandorla, riso, cocco e varie combinazioni di questi, arricchitti con vitamina D, B12 e altri minerali fondamentali. Il vantaggio di questi prodottti è che sono altamente digeribili, leggeri, ricchi di vitamine e salutari.

Credit to: https://www.medimagazine.it

Pin It