Tag

lesione ginocchio

Naviga

Il ginocchio è formato da due ossa, il femore (coscia) e la tibia (gamba). Davanti partecipa all’articolazione anche la rotula che, oltre a proteggere il ginocchio, facilita l’azione del muscolo quadricipite durante l’estensione della gamba. Vi è un altro osso, lateralmente alla tibia, che completa l’articolazione: il perone.

Tutte le superfici articolari sono rivestite di cartilagine, uno speciale tessuto protettivo che diminuisce gli attriti interni all’articolazione. Una ulteriore protezione da traumi ed usura deriva dalla presenza di due menischi, uno mediale ed uno laterale. Entrambe queste strutture, dalla forma semilunare, funzionano come cuscinetti ammortizzatori, facilitando i movimenti e proteggendo l’intero ginocchio.

Un manicotto fibroso, chiamato capsula, avvolge l’intera articolazione, stabilizzandola durante i movimenti. Una membrana, detta sinoviale, riveste la superficie interna della capsula e secerne un liquido vischioso che lubrifica e nutre l’articolazione.

Vi sono quattro legamenti che stabilizzano il ginocchio, due laterali chiamati rispettivamente collaterale mediale o interno (LCM) e collaterale laterale esterno (LCL), e due interni detti crociato anteriore (LCA) e legamento crociato posteriore (LCP).

Esistono poi numerose altre strutture anatomiche come borse e legamenti minori che nel loro insieme provvedono ad aumentare la stabilità e la funzionalità dell’articolazione.

Uno degli infortuni più frequenti, a carico di questa articolazione, è la lesione del legamento crociato anteriore.

Esso può essere sottoposto a forti sollecitazioni meccaniche soprattutto durante l’attività sportiva e può andare incontro a rottura. Il meccanismo di lesione più frequente, è il movimento involontario di valgo-rotazione-esterna mentre il piede è fisso al suolo.

Quando avviene una lesione del legamento crociato anteriore il paziente sente il ginocchio cedere e ha la sensazione che qualcosa si sia rotto all’interno del suo ginocchio oppure che qualcosa sia andato fuori posto. I sintomi principali sono il dolore, il gonfiore e la difficoltà a muovere l’articolazione. Solitamente dolore e gonfiore si risolvono nel giro di 2 settimane circa dopo il riposo e l’utilizzo di ghiaccio e FANS mentre permane l’instabilità che non permette al paziente di ritornare alla pratica sportiva.

La lesione del LCA è un evento molto fastidioso e spiacevole. Per queste è sempre opportuno cercare di evitarlo.

La prevenzione delle lesioni da sport si ottiene ponendo particolare attenzione alla sicurezza durante lo svolgimento di attività sportive anche non agonistiche e mantenendo sempre un buon tono (trofismo) della muscolatura della gamba che funga da protezione per il ginocchio.

Una volta effettuata la diagnosi di lesione del legamento crociato anteriore la cura può essere conservativa o chirurgica. Inizialmente il medico potrà consigliare un periodo di riposo associato a terapie con farmaci antinfiammatori e l’applicazione di ghiaccio locale. La scelta corretta del trattamento dipende dalla valutazione di fattori come l’età del paziente, la richiesta funzionale e lo stile di vita.

In presenza di una lesione del legamento crociato anteriore è possibile svolgere le normali attività di vita quotidiana evitando tuttavia di praticare attività sportive ed in modo particolare sport da contatto e che richiedono cambi direzionali durante il movimento come il calcio, lo sci, il basket e la pallavolo. In caso di lesione parziale a volte è possibile evitare l’intervento facendo ginnastica di rinforzo dei muscoli della coscia. Una lesione totale non riparata, invece, espone l’articolazione al rischio di nuove distorsioni che possono poi causare lesioni ai menischi o alla cartilagine e allo sviluppo di un’artrosi precoce. Per questo, il trattamento chirurgico viene proposta a tutti i pazienti giovani.

La lesione del menisco è tra quelle più diffuse che riguardano il ginocchio.

Il menisco è una struttura fibro-cartilaginea, dura ed elastica. I menischi hanno la funzione di distribuire i carichi del ginocchio in modo più regolare e contribuiscono alla stabilità rotazionale quando il ginocchio è soggetto a sollecitazioni meccaniche rilevanti come correre, saltare o cambiare direzione all’improvviso.

Ogni ginocchio possiede due menischi.

Le cause più comuni di lesione sono le distorsioni oppure può essere l’ultimo evento di una degenerazione della fibrocartilagine che avviene nel tempo per un processo di invecchiamento fisiologico o per un meccanismo di piccoli traumi ripetuti.

I sintomi sono rappresentati da:

– dolore persistente al ginocchio sia in condizioni di riposo, sia sotto sforzo.  Esso rappresenta il sintomo più importante e sempre presente di una lesione al menisco. Tale dolore può essere accompagnato da sensazioni di qualche cosa che “scatta” o si sposta durante il movimento del ginocchio.

– Vi può essere un’infiammazione sinoviale con versamento all’interno dell’articolazione. Questo versamento gonfia il ginocchio e rende i movimenti meno liberi. Inoltre, quando la rottura è importante, il menisco può spostarsi dalla sede anatomica provocando un vero e proprio blocco funzionale che rende impossibile lo svolgimento delle normali funzioni.

Le lesioni meniscali si definiscono radiali quando perpendicolari all’asse maggiore, o longitudinali quando creano una divisione all’interno del corpo.

Come prevenirle:

Come al solito si consiglia un rinforzo funzionale e programmato dei muscoli della coscia e degli stabilizzatori dell’umore ginocchio (il quadricipite, gli ischiocrurali, il popliteo, i vasti mediali, il tensore della fascia lata e grande gluteo).

Evitare assolutamente di essere in sovrappeso, per non sovraccaricare il ginocchio. Cercare il più possibile di evitare sport e/o sollecitazioni (soprattutto torsioni, salti e cambi di direzione) quando si è affaticati o in condizioni psicofisiche non ottimali.

Pin It