Tag

feste delle donne

Naviga

La Donna è Natura: in lei risiedono tutte le figure che la natura ha coniato per creare una continuazione nelle specie e per tessere legami relazionali.

Che sia una Donna  quale Madre, una Figlia, una Sorella, una Compagna, una Amica, una Amante, una Guerriera, una Donna in Carriera, che sia anche una Artista o una Scienziata premio nobel, la donna è troppo spesso criticata e sempre sotto i riflettori.

Oggi è la festa delle Donne, una festa che per molti è motivo di vanto e per altri, una sorta di raggiro in quanto la figura femminile sempre trattata con sessismo e con superiorità non dovrebbe essere celebrata quale minoranza, ma il suo valore dovrebbe essere riconosciuto ogni giorno.

In ogni parte del mondo la figura femminile ha un ruolo fondamentale, eppure ancora oggi, ci si imbatte in tantissimi pregiudizi e azioni sessiste che minano il ruolo delle donne nella società.

La donna ancora nel 2023 è vittima di sessismo, di disparità di genere e di continua critica soprattutto se parte della cerchia di ricchi, famosi o comunque in vista.

Che sia nella vita reale, sui social o negli ambienti lavorativi la figura femminile subisce continue pressioni, in ogni ambiente nel quale entra a relazionarsi.

La donna è spesso criticata in OGNI ASPETTO: se lavora troppo, se mira alla carriera, se non lavora, se lavora troppo poco, se ha studiato, se non ha studiato abbastanza, se fa figli, se non li vuole, se si sposa, se non si sposa, se guadagna tanto, se non guadagna abbastanza, se è gay, se è etero, se è fluid, se pensa troppo ai suoi bisogni, se si lascia andare e non pensa mai a se stessa, se vuole uscire con le amiche, se non ci esce mai, se ha tanti o troppo partner sessuali, se ne ha troppo pochi, se ama il sesso, se non lo ama, se ama avere hobby, se non ha hobby, se non è bella, se è troppo bella, se è rifatta, se non è rifatta, se è troppo frivola, se troppo simpatica, se troppo disponibile, se non è mai disponibile, se è troppo alta, troppo bassa, troppo grassa, troppo muscolosa, troppo magra, troppo sincera, troppo falsa, se parla troppo, se è troppo diretta, se non parla mai ecc. ecc.

IN OGNI CASO la donna viene SEMPRE CRITICATA O MESSA ALLA GOGNA QUALSIASI SCELTA ABBIA MAI FATTO.

La donna è una figura continuamente vessata da pregiudizi, ipocrisia e tante chiacchiere, troppe.

Ma se ci soffermassimo a pensare, capiremmo che la figura della donna è a tutti gli effetti, un vero e proprio mondo che racchiude in essa tutto il delicato equilibrio che si instaura nel dover gestire in una sola vita TUTTI gli ambiti della stessa: il lavoro, il marito, i figli,la famiglia, gli animali, la casa, le relazioni, le amicizie, la scuola, i parenti, le conoscenze, la carriera, la salute, gli hobby, e tutti gli ambienti sociali nei quali si entra a contatto.

La figura femminile è costretta ormai da tempo, sin dal momento della sua emancipazione nel corso del ‘900, a dover fare i conti con il continuo bisogno ancestrale di ACCETTAZIONE, CONSIDERAZIONE E RISPETTO da parte della figura maschile e ancora di più, dalla società e molto spesso dalle altre donne che sono non di rado le prime artefici di giudizi e pregiudizi.

Per tale motivo, la donna a partire dalla sua ascesa verso degli orizzonti più liberi per l’emancipazione, ha dovuto fare i conti con il fardello dei suoi lati femminili e spesso li ha dovuti storpiare, distorcere o eliminare del tutto diventando spesso una caricatura: o è diventata una barbie stupida e senza talento, una donna oggetto il cui valore le viene riconosciuto solamente dalla sua bellezza e dal suo fascino o dall’aver saputo “cogliere l’occasione giusta” oppure, la donna  ha dovuto “maschilizzare” del tutto la sua figura, soprattutto in ambito lavorativo e di carriera nel quale, se si è “troppo femmine” si viene screditate, si viene reputate stupide e frivole, non si viene rispettate e non si viene valorizzate per ruoli di leadership o comando.  Per essere una donna in carriere o brava nel lavoro si deve avere “gli attributi” e chi invece non vuole rinunciare al proprio ruolo familiare di moglie e madre viene scartata, messa da parte, subisce bullismo e mobbing, spesso ridotta a part time o riduzioni di stipendio e dimenticata del tutto, perché riconosciuta debole, senza palle e poco ambiziosa.

Le donne in ogni ambito, anche fuori dal lavoro sono diventate spesso MASCHI: in palestra notiamo sempre più donne iper muscolose, quasi maschi mancati, quasi che se si volesse un corpo femminile si verrebbe reputate meno in forma, o anche nell’ambiente dell’arte, della moda, spesso il confine tra uomo e donna è molto diminuito e alcune volte non si capisce davvero se il modello sia maschio o femmina e stessa cosa nel cinema o nel teatro dove la donna viene sempre più spesso presentata come “dura, tosta, una vera super woman”, spesso scurrile e poco femminile; o nel mondo della movida nel quale notiamo delle vere e proprie cacciatrici di uomini che ad ogni età dall’adolescenza all’età d’oro delle milf, adescano uomini su uomini, li corteggiano, li portano a letto, li sfruttano per soldi, per vantaggi, per sesso, o solo per il gusto della conquista, per tutte le fascie d’età, dai teneri fanciulli di 20-30 anni con i quali si fanno love story da toy boy, agli uomini maturi dai quali ottenere potere, vantaggi economici o esperienza.

Il punto principale, dopo aver appurato come la figura della donna sia così cambiata è: come è possibile VALORIZZARE DAVVERO LE DONNE SENZA INCORRERE NEL PECCATO DEL PREGIUDIZIO E DEI CLICHE’ secondo i quali ogni cosa la donna faccia sia sempre CRITICABILE?

Forse dovremmo tutti fermarci a riflettere che le donne NON DEVONO giustificarsi per ogni scelta facciano, non devono per forza rispecchiare dei canoni e che come per gli uomini, essi possono essere definiti tali, proprio perché LIBERI DI SCEGLIERE ed AGIRE senza alcun limite, anche le donne dovrebbero avere eguali diritti in merito!!! E che non serve ogni volta lottare per ottenere tale diritto ma dovrebbe essere la normalità.

Se ricordassimo a noi stessi che ogni donna ha il DIRITTO di essere se stessa come vuole, secondo la sua indole, secondo i suoi gusti, le sue particolarità e i suoi desideri e che nessuna donna dovrebbe scegliere mai e per forza a quale categoria di donna appartenere e dunque, scegliere se essere più femmina, più madre e moglie o attribuire a se stessa dei ruoli più maschili solo per essere rispettata in società.

E proprio in questa giornata dedicata alle donne il gesto più bello che potremmo volgere ad una donna è senza dubbio il ricordare sempre che ESSERE DONNE non è un dovere né una scelta, ci si nasce, ma un PRIVILEGIO e che  essere donne come si vuole è un DIRITTO, che nessuno dovrebbe mai dimenticare.

 

 

 

Pin It